Secondo ciclo di “Pro e Contro. Frammenti di storia dell’arte dall’Ottocento al Novecento”, a cura di Marco Fidolini

Il secondo ciclo di incontri tenuti dal pittore e saggista Marco Fidolini si svolgerà a Palomar, la Casa della Cultura, con primo appuntamento, dal titolo “Pittura stratta, dadaismo e post dadaismo”, sabato 18 marzo

 Il secondo ciclo di “Pro e Contro. Frammenti di storia dell’arte dall’Ottocento al Novecento”, a cura di Marco Fidolini, torna a Palomar questo sabato 18 marzo alle ore 17.

Dopo il grande successo del primo ciclo, tenutosi tra novembre e dicembre scorsi, questa primavera accoglie quattro nuovi appuntamenti dedicati all’arte e agli artisti che hanno segnato in modo particolare il novecento. Una visione inedita, volta a stimolare un costruttivo dibattito, quella che Marco Fidolini riesce a dare parlando di movimenti artistici che si sono sviluppati tra la prima guerra mondiale e il periodo a seguire, analizzandone in modo scrupoloso e critico i pro e i contro.

Questa mattina, mercoledì 15 marzo, sono stati presentati i quattro appuntamenti che si svolgeranno tra marzo e aprile.

“Il primo ciclo di incontri sull’arte contemporanea che Marco Fidolini tenuto tra novembre e dicembre si è rivelato non solo un grande successo – dichiarano il Sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi e l’Assessore alla Cultura, Fabio Franchi – ma anche un’iniziativa di estremo interesse culturale. Il risultato, sia in termini di pubblico, che di temi posti e di discussioni e riflessioni suscitate, è stato notevole, persino superiore alle aspettative (che pure erano molto elevate). Questo secondo ciclo era già in programma quando abbiamo dato inizio al primo, ma il successo che i primi appuntamenti hanno avuto e l’enorme interesse da parte del pubblico che hanno riscosso ci ha spinto a organizzarlo con ancora maggior convinzione. Indubbiamente buona parte del successo è dovuto al relatore: Marco Fidolini è un pittore di fama e di alta qualità, molto noto in città, dove ha anche esposto le proprie opere numerose volte. Ma Marco Fidolini è anche un intellettuale a tutto tondo, di grandissima competenza e di vastissima preparazione, che ha studiato a fondo gli artisti e i movimenti oggetto degli incontri, sui quali ha anche scritto in numerosi libri. Le analisi di Fidolini, come abbiamo avuto modo di apprezzare nel primo ciclo di incontri, sono sempre acutissime e documentatissime, ma allo stesso tempo rifuggono nettamente l’automatica (e spesso acritica) adesione alla critica accademica o mainstream. Con il suo essere a volte contro corrente, con la sua vis polemica, ma allo stesso con la profonda lucidità e competenza che lo contraddistinguono, Fidolini ci instilla il “dubbio” e ci invita a leggere o a rileggere le opere d’arte, gli artisti e i movimenti, in modo autonomo, invitandoci allo stesso tempo a liberarci di tante, troppe “certezze” alle quali abbiamo aderito troppo spesso in modo acritico, magari solo perché provenienti da fonti “autorevoli”. Suscitare dubbi, aprire dibattiti: ed è proprio quello che è avvenuto al termine di ogni appuntamento del primo ciclo di incontri, e che siamo certi avverrà anche in questo secondo ciclo. A Marco Fidolini, quindi, il nostro ringraziamento per aver arricchito la nostra città, già vocata naturalmente all’arte e alla cultura, con importanti spunti di dibattito, e un invito a tutti gli interessati, dai semplici appassionati, agli studenti di materie artistiche, fino agli studenti delle scuole, a partecipare a questi incontri: non ve ne pentirete.”

Il primo appuntamento dal titolo “Pittura stratta, dadaismo e post dadaismo” è per sabato 18 marzo ore 17. Il secondo appuntamento, sabato 1° aprile, “Realismi e realismo esistenziale del secondo novecento”, sarà dedicato a Bacon, Guttuso, Guerreschi e Ferroni. Si passa poi a sabato 15 aprile con “Pop Art e Iperrealismo” per concludere il ciclo, sabato 29 aprile, con “Simmetrie e confronti: da Casorati e Sironi ad Hopper”.

“Anche questi ultimi 4 incontri sull’arte – ha aggiunto Marco Fidolini – propongono letture e analisi esegetiche che contraddicono molte archiviazioni del panorama artistico internazionale. Un complesso panorama storico-iconografico che dalla metà dell’Ottocento attraversa il Novecento e lambisce il nostro tempo. Già il titolo di questi incontri (Pro e contro) manifesta un disegno critico che intende sondare, e perfino ribaltare, i valori e i disvalori consolidati da tanta fumosa saggistica d’arte, spesso governati dal mercato e dalla finanza, nonché sottoposti alle innumerevoli pressioni mediatiche, al turbinio dell’immaginario collettivo e all’enfasi  della popolarità”.

https://www.comunesgv.it/content/uploads/2023/03/WhatsApp-Image-2023-03-15-at-12.12.26-1024x768.jpeghttps://www.comunesgv.it/content/uploads/2023/03/WhatsApp-Image-2023-03-15-at-12.12.26-150x150.jpegCultura SgvEventiIncontriIl secondo ciclo di incontri tenuti dal pittore e saggista Marco Fidolini si svolgerà a Palomar, la Casa della Cultura, con primo appuntamento, dal titolo “Pittura stratta, dadaismo e post dadaismo”, sabato 18 marzo  Il secondo ciclo di “Pro e Contro. Frammenti di storia dell’arte dall’Ottocento al Novecento”, a cura...sito ufficiale

Articoli simili

Estate a Montecarlo, al via gli eventi estivi della Fondazione Be.st.

Estate a Montecarlo, al via gli eventi estivi della Fondazione Be.st.

24 luglio, il programma per l’80esimo anniversario della Liberazione di San Giovanni Valdarno

24 luglio, il programma per l’80esimo anniversario della Liberazione di San Giovanni Valdarno

Il Valdarno Jazz 2024 comincia da San Giovanni

Il Valdarno Jazz 2024 comincia da San Giovanni