«Ho letto casualmente, ieri sui social e stamattina sui giornali, della presa di posizione del Presidente della Confcommercio cittadina Paolo Mantovani, circa le notizie uscite dopo l’ultimo Consiglio comunale sui possibili sviluppi dell’area di Sant’Andrea.

Credo che su questo argomento si sia fatta, da allora, molta confusione, in parte alimentata da alcuni titoli sui giornali e sui social, in parte dalla strumentalizzazione dei “soliti noti”. Questi ultimi hanno presentato un’interrogazione all’ultimo Consiglio Comunale, sapendo già quale sarebbe stata la risposta perché con alcuni di loro ne avevo parlato alcuni giorni prima, mistificandola, cosa nella quale sono maestri, facendo balenare l’ipotesi dello spostamento del supermercato Coop nella zona di Sant’Andrea.

L’occasione mi permette di chiarire la vicenda e fugare i dubbi di chi, magari non avendo visto l’unica mia intervista sull’argomento uscita su Valdarnopost, possa essere stato tratto in inganno da titoli fuori luogo e strumentalizzazioni varie.

Nessuno ha mai parlato di spostare il supermercato di Via Napoli nella zona di Sant’Andrea! Nessuno ha mai parlato di investimenti di natura commerciale in quella zona della città! Non è intenzione della proprietà dell’area, tantomeno dell’amministrazione comunale!

Detto questo, su quell’area esiste oggi una condizione inedita che può essere sfruttata, cioè un unico proprietario che dovrebbe avere interesse a valorizzare il suo investimento. Unicoop Firenze è diventata da qualche settimana proprietaria dell’intero lotto di 22.000 metri quadri di superficie produttiva. Quel terreno è un patrimonio per l’azienda, ma è anche un patrimonio della città, sul quale si gioca il futuro del nostro sviluppo a breve termine e la creazione di posti di lavoro.

Ritengo che per un amministratore pubblico sia obbligatorio interloquire con chi possiede pezzi così importanti del nostro territorio e sia doveroso agire come stimolo perché si lavori per trovare aziende che hanno intenzione di insediarvisi e accrescere l’occupazione a San Giovanni e nel Valdarno. Questo ho fatto e questo continuerò a fare.

Lo dico soprattutto a Paolo Mantovani, che mi ha apostrofato dicendo che mi devo occupare del Centro Storico in decadenza e non di Sant’Andrea e glielo dico per tre motivi: primo, perché sono il Sindaco di tutta la città e non solo del Centro; secondo, perché quella è la zona maggiormente degradata di San Giovanni, anche per scelte non certo del sottoscritto, dove è necessaria un’opera di riqualificazione che non può prescindere dalla nascita degli insediamenti produttivi; terzo, perché il nostro territorio ha bisogno di creare posti di lavoro e garantire stipendi a coloro che possono venire a spenderli nei Tuoi negozi e negli altri del Centro Storico, anche così si rilancia il nostro centro cittadino.

Paolo, la prossima volta informati meglio, sempre che ti interessi capire qual è la situazione e non fare un’uscita pubblica solo per non essere da meno di qualcun altro, facendo affermazioni fuori luogo come quella che l’amministrazione comunale starebbe stimolando investimenti commerciali in quell’area.

Per quanto riguarda il progetto di riqualificazione del Centro Storico sai che l’amministrazione ci sta lavorando; abbiamo fatto alcune iniziative molto partecipate che vanno nella direzione dei contenuti del documento che ci avete inviato e sono sicuro che troveremo l’occasione per momenti di confronto e collaborazione arrivando a quegli interventi che, condividiamo, sono necessari».

 

San Giovanni Valdarno, 24 maggio 2017

https://www.comunesgv.it/content/uploads/2017/05/sandrea.jpghttps://www.comunesgv.it/content/uploads/2017/05/sandrea-150x150.jpgcomunesgvNovitàcentro storico,s.andrea,Unicoop Firenze«Ho letto casualmente, ieri sui social e stamattina sui giornali, della presa di posizione del Presidente della Confcommercio cittadina Paolo Mantovani, circa le notizie uscite dopo l'ultimo Consiglio comunale sui possibili sviluppi dell'area di Sant'Andrea. Credo che su questo argomento si sia fatta, da allora, molta confusione, in parte alimentata...sito ufficiale