In uno dei borghi più belli della Toscana, una “gara di assaggi” dedicata al piatto tipico sangiovannese tutelato da marchio e apposito disciplinare.

Dopo il successo dello scorso anno domenica 16 gennaio il comune di San Giovanni Valdarno (AR) ospita la seconda edizione del Palio dello Stufato alla sangiovannese, ghiotto appuntamento per curiosi e buongustai.

Lo Stufato, piatto tradizionale di origine povera e oggi tutelato da un apposito marchio e disciplinare, è preparato secondo una ricetta tramandata segretamente tra i cuochi sangiovannesi, ma, malgrado sia un’eccellenza gastronomica, è ancora poco conosciuto al di fuori del Valdarno. Il piatto si ottiene attraverso una lunga ed accurata cottura del muscolo di zampa anteriore di vitello, ed è aromatizzato con un miscela segreta di spezie preparate appositamente dai droghieri di San Giovanni, il cosiddetto drogo.

Nei saloni della Basilica di Santa Maria delle Grazie si svolgerà un confronto gustoso e giocoso che, attraverso il voto di una giuria di esperti guidati dal critico enogastronomico Leonardo Romanelli, affiancata da una popolare, eleggerà lo Stufato alla sangiovannese 2011 più gradito.
Novità di questa edizione sarà l’introduzione di una seconda votazione da parte della giuria tecnica sul piatto di fantasia a base di stufato più originale. Inoltre, ospite speciale di questa edizione, sarà per la prima volta l’Oriente, con la partecipazione di un cuoco indiano del ristorante India di Fiesole che si cimenterà nella preparazione del Mutton Curry, uno “stufato” secondo le tradizioni culinarie della sua terra. Volontà degli organizzatori è quella di caratterizzare le future edizioni del Palio sempre di più attraverso il confronto con tradizioni culinarie simili provenienti da luoghi e tradizioni diverse. Alla giuria popolare sono riservati 50 posti che è possibile prenotare, dietro pagamento di una quota di iscrizione di 20 euro, telefonando all’Ufficio informazioni turistiche Pro Loco di San Giovanni Valdarno: tel. 055 943748. Prenderanno parte al Palio i cuochi dei ristoranti e delle gastronomie di qualità di San Giovanni Valdarno.

Nel giorno del Palio, il Centro commerciale naturale del paese promuoverà l’iniziativa “La via delle Spezie”, un delizioso mercatino che si snoda lungo una delle vie più carateristiche del paese tra bancarelle di specialità, oggettistica, artigianato tipico e, ovviamente, degustazioni di stufato.

Il Palio dello Stufato sarà un’occasione per conoscere da vicino le tradizioni locali, con la sfilata dei paggetti e tamburini con i costumi utilizzati dai primi del Novecento per gli Uffizi di Carnevale, celebrazione con cui lo stufato ha uno storico legame. I paggetti e i tamburini saranno accompagnati dagli Sbandieratori del calcio storico di Firenze, che si esibiranno sia prima che dopo il Palio. Il Palio dello Stufato permetterà anche di scoprire un territorio bellissimo, ricco di arte e storia: il Museo della Basilica con la splendida Annunciazione del Beato Angelico, il Palazzo di Arnolfo e la Casa museo di Masaccio, il più celebre sangiovannese della storia.

Dopo il Palio, i protagonisti del pomeriggio saranno i piccoli con un programma simpatico e divertente: si parte alle 16.00 con una caccia al tesoro per le strade del centro storico che coinvolgerà i bambini delle scuole medie alle prese con quesiti e indovinelli per le vie del centro. Sempre alle 16.30, negli spazi della Biblioteca comunale, presso la sezione giovani, per i più piccini, andrà in scena un divertente spettacolo di burattini. I bambini delle scuole elementari potranno sbizzarrirsi a realizzare fotografie dell’evento con l’iniziativa “Fotografa il tuo palio” e potranno inviarle al sito www.stufatoallasangiovannese.it.
La storia dello stufato tra ipotesi e leggende
La storia dello stufato si lega a quella della cittadina valdarnese. Numerose le leggende che si tramandano intorno alla ricetta di questo piatto prelibato. In primis il miracolo dell’anziana Monna Tancia, che, pregata la Madonna, riuscì ad allattare il nipotino, rimasto orfano a causa della peste del 1478. In seguito al fatto eccezionale, dopo la fondazione dell’Oratorio nel luogo in cui era presente l’immagine sacra alla quale si era rivolta l’anziana, si tramanda che per sfamare il grande numero di pellegrini accorsi in città si “trattò” una grande quantità di carne ormai eccessivamente frollata con spezie ed aromi. Da qui la nascita dello stufato. Molto più probabile è che il contributo fondamentale alla ricetta, nella seconda metà dell’Ottocento, l’abbia dato l’arrivo in paese di operai del ferro dall’Europa centrale che avrebbero fatto conoscere la ricetta del gulasch. Un passo ulteriore verso la definizione della ricetta potrebbe essere stato fatto, in seguito alla presenza sul territorio dei prigionieri austroungarici, durante la Grande Guerra. Ultima ipotesi riguarda l’utilizzo delle spezie mediorientali che Virgilio Aldinuzzi, cuoco del reggimento durante la spedizione libica nella Seconda Guerra Mondiale, avrebbe portato in Valdarno. Tutti questi eventi potrebbero dunque aver contribuito all’evoluzione della ricetta ancora gelosamente conservata e giunta ai giorni nostri in diverse gustose varianti.

 

PROGRAMMA

ore 12.00 Esibizione degli Sbandieratori del calcio storico di Firenze – Piazza Masaccio

ore 12.30 Ingresso giurati – Saloni della Basilica di Santa Maria delle Grazie – Piazza Masaccio

ore 13.00 Palio dello Stufato alla sangiovannese – Ingresso ai Saloni della Basilica di Santa Maria delle Grazie – Piazza Masaccio

ore 15.30 Palio dello Stufato alla sangiovannese – Proclamazione dello Stufato 2011 – Saloni della Basilica di Santa Maria delle Grazie – Piazza Masaccio

ore 16.00 La via delle spezie – Corso Italia. Apertura stand con vendita di gelato, cioccolato, dolci, stufato, a cura del Centro Commerciale Naturale. I negozi di Corso Italia saranno aperti per l’occasione

ore 16.00 Spettacolo di burattini (evento riservato a bambini dai 3 ai 6 anni) – Biblioteca comunale Masaccio sezione ragazzi – Via Alberti 17

ore 16.30 Caccia al tesoro per le strade del centro storico di San Giovanni Valdarno e del Centro commerciale naturale (evento riservato a ragazzi delle scuole medie)

ore 17.00 Sfilata dei paggetti e tamburini con i costumi utilizzati dall’inizio del ‘900 per gli Uffizi di Carnevale, accompagnati dagli Sbandieratori del calcio storico di Firenze

ore 17.30 Sfilata del Carroccio degli Uffizi del Carnevale