24 settembre – 6 novembre 2016

Casa Masaccio | Corso Italia 83 | San Giovanni Valdarno

Casa Masaccio. Altri racconti

a cura di Desdemona Ventroni

 

OPERE DI: Mario Airò, Giovanni Anselmo, Massimo Bartolini, Emanuela Baldi, Kornkrit Jianpinidnan, Valentina Lapolla, Irene Lupi, Marcello Maloberti, Manuela Mancioppi, Giovanni Ozzola, Prabhakar Pachpute, Antonio Rovaldi, Pantani-Surace, Mauro Staccioli, Tatiana Villani

Inaugurazione sabato 24 settembre ore 18:30

Con Altri racconti Casa Masaccio Centro per l’Arte Contemporanea inaugura il primo percorso espositivo e didattico del progetto di riorganizzazione scientifica della Collezione Comunale. L’allestimento, curato da Desdemona Ventroni, si sviluppa attorno a un nucleo di opere site specific e a una selezione di installazioni, fotografie e video acquisite dagli anni Novanta al 2015 e collegate a mostre, performance, residenze e workshop organizzate dal Centro nel corso di questo arco temporale.

Realizzate da artisti italiani e internazionali di diverse generazioni, le opere esposte raccontano l’attività di Casa Masaccio e propongono diverse letture dei suoi spazi, interpretandone le relazioni con la città e con il territorio del Valdarno attraverso temi ricorrenti quali la memoria, l’identità, il lavoro, il viaggio. Aprirà simbolicamente il percorso l’installazione ambientale di Mario Airò, Welcome to my monasterio, creata per Casa Masaccio in occasione della mostra personale dell’artista nel 1997. Quest’opera, che scandisce una zona di passaggio al piano terra dell’edificio accogliendo i visitatori e invitandoli a inoltrarsi nelle varie stanze del Museo, verrà riproposta grazie all’intervento di ripristino, effettuato in stretta collaborazione con l’artista, eseguito nell’ambito del programma di conservazione e di valorizzazione del patrimonio di opere di Casa Masaccio. Sarà inoltre presentata l’installazione Fuori dal trecciato delle artiste Emanuela Baldi, Manuela Mancioppi e Tatiana Villani, accompagnato dall’intervento di Valentina Lapolla e il testo di Matteo Innocenti, che entra ufficialmente a far parte della Collezione Comunale, dopo essere stata esposta dal 9 luglio al 18 settembre in Casa Giovanni Mannozzi. A chiudere il percorso museale sarà, invece, il cortometraggio del regista Alberto Tempi Corso Italia ’96, che documenta l’installazione di cinque grandi ‘ruote’ in cemento armato con cui, nel 1996, lo scultore Mauro Staccioli ha ridisegnato il transito del centro urbano di San Giovanni Valdarno.

Altre Storie sarà l’occasione per scoprire CASA MASACCIO – TAG MUSEUM, una app informativa, pensata per ampliare l’accessibilità del Museo Casa Masaccio e favorire la comprensibilità della Collezione e della sua storia, che utilizza le tecnologie più recenti di realtà aumentata e di riconoscimento visuale di codici e tag interattivi per consentire la consultazione, attraverso smart devices, di contenuti crossmediali.

 

Ingresso gratuito| Orari: feriali 15-19, festivi 10-12 / 15-19

Casa Masaccio Centro per l’Arte Contemporanea

Corso Italia 83, 52027 – San Giovanni Valdarno

Tel. 055 9126283

casamasaccio@comunesgv.it

www.casamasaccio.it

 


24 settembre 2016 | Ore 21:00

ART ON FILM 2016_rassegna di film d’artista

in collaborazione con Lo schermo dell’arte Film Festival

 a cura di Desdemona Ventroni

 

Palazzo d’Arnolfo – Museo delle Terre Nuove

San Giovanni Valdarno, Piazza Cavour 1

 

Sabato 24 settembre alle ore 21:00, in Palazzo d’Arnolfo nell’ex sala consiliare, prende avvio anche ART ON FILM 2016, la rassegna dedicata ai film d’artista organizzata da Casa Masaccio Centro per l’Arte Contemporanea in collaborazione con Lo schermo dell’arte Film Festival.

La prima proiezione è dedicata a una prima visione in Toscana, viene infatti presentato Negus il lungometraggio realizzato dal duo artistico Invernomuto.

INGRESSO GRATUITO | Film in versione originale con sottotitoli in italiano

Invernomuto, Negus, 2016, 67′

Negus ha origine da un avvenimento storico risalente al tempo dell’occupazione italiana in Etiopia: nel 1936 un soldato ferito fu costretto a rientrare a Vernasca (Piacenza), paese natio del duo Invernomuto. In occasione del suo ritorno, la comunità organizzò un festoso ed oscuro rituale: nella piazza del paese fu incendiata l’effige di Haile Selassie I, ultimo Negus di Etiopia nonché messia secondo il Rastafarianesimo, un culto sviluppatosi in Giamaica durante gli anni ‘30. Il film disegna un triangolo tra Vernasca, l’Etiopia e la Giamaica attraverso la figura di Haile Selassie I, osservato da diversi punti di vista: storico, cultuale, magico e iconico. Il protagonista principale è Lee “Scratch” Perry, nato in Jamaica ottant’anni fa, figura chiave della storia della musica contemporanea, inventore della musica dub, nonchè precursore di quella reggae. Nel film la sua presenza è duplice: attraverso il fantasma del Black Ark, il suo studio di registrazione a Kingston, (Giamaica) che ha incendiato a metà anni ’80, e in veste di maestro di cerimonia, a Vernasca, dove è stato invitato da Invernomuto per rievocare lo spirito dell’ultimo imperatore d’Etiopia. Perry ha un particolare rapporto con il fuoco e con il suo carattere purificatorio; la sua performance chiude il film, un’epifania che concentra tutte le direzioni del progetto in un unico rituale.

 Invernomuto vive e lavora tra Vernasca (PC) e Milano.

Simone Bertuzzi (1983) e Simone Trabucchi (1982) collaborano con lo pseudonimo di Invernomuto dal 2003. L’immagine in movimento e il suono sono i mezzi di ricerca privilegiati del duo; scultura, editoria e pratiche dal vivo sono altre delle sue varianti. Tra le mostre personali: MALÙ, Istituto Italiano di Cultura, Toronto (2015), Artspeak, Vancouver (2015), Anabasis Articulata, Triennale di Milano, Milano (2014), I-Ration, ar/ge kunst, Bolzano (2014), The Celestial Path, GAMeC, Bergamo (2013). Tra le partecipazioni in mostre collettive e festival: Nero su Bianco, American Academy in Rome, Roma (2015), La Scrittura degli Echi, MAXXI, Roma (2015), Glitch. Interferenze tra arte e cinema in Italia, PAC- Padiglione d’Arte Contemporanea, Milano (2014), Black Star Film Festival, Philadelphia (2014). Nel 2013 sono stati finalisti del Premio Furla (Bologna) e hanno vinto il premio MERU ART*SCIENCE. Nel 2014 partecipano a Berlinale Talents (Berlino) e ottengono il fondo MiBAC per la finalizzazione di Negus. Bertuzzi e Trabucchi portano avanti pratiche individuali nell’ambito della musica, rispettivamente con i progetti Palm Wine e Dracula Lewis.

https://www.comunesgv.it/content/uploads/2016/09/GiovanniOzzola-Nuvola-nella-valle-2007-1024x806.jpghttps://www.comunesgv.it/content/uploads/2016/09/GiovanniOzzola-Nuvola-nella-valle-2007-150x150.jpgcomunesgvEsposizioniEventiarte contemporanea,Casa Masaccio,Collezione comunale24 settembre – 6 novembre 2016 Casa Masaccio | Corso Italia 83 | San Giovanni Valdarno Casa Masaccio. Altri racconti a cura di Desdemona Ventroni   OPERE DI: Mario Airò, Giovanni Anselmo, Massimo Bartolini, Emanuela Baldi, Kornkrit Jianpinidnan, Valentina Lapolla, Irene Lupi, Marcello Maloberti, Manuela Mancioppi, Giovanni Ozzola, Prabhakar Pachpute, Antonio Rovaldi, Pantani-Surace, Mauro...sito ufficiale