LIBERI DAI RIFIUTI

Ha fatto tappa, oggi, a San Giovanni Valdarno, uno degli appuntamenti per l’ambiente promossi nell’ambito dei percorsi educativi di Unicoop Firenze per le scuole e realizzati in collaborazione con Legambiente, le Sezioni soci Coop e le amministrazioni locali

 

Sette appuntamenti, trenta classi delle scuole secondarie di primo grado, per un totale di 750 alunni e 60 docenti: questi i numeri dell’iniziativa Liberi dai rifiuti, il progetto di educazione ambientale promosso nell’ambito dei percorsi educativi di Unicoop Firenze per le scuole e realizzato in collaborazione con Legambiente, le Sezioni soci Coop e le amministrazioni locali.

Si è svolto oggi l’appuntamento a San Giovanni Valdarno, dove, nei giardini del Lungarno, oltre 100 alunni della scuola secondaria di primo grado G. Marconi, accompagnati dai docenti, hanno svolto un’attività di raccolta di rifiuti abbandonati in alcune aree del Lungarno, a cui è seguita un’analisi dei rifiuti raccolti e una riflessione sull’impatto dei rifiuti sull’ambiente. All’appuntamento hanno partecipato anche Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno, Carla Bernacchioni, Presidente della Sezione soci Coop di San Giovanni Valdarno e Ilaria Violin, Vicepresidente del Circolo Legambiente Arezzo, che hanno accolto i ragazzi e presentato l’iniziativa.

Nel corso di ogni appuntamento, gli alunni, divisi in piccoli gruppi, vengono coinvolti attivamente in un’esperienza di citizen science, attraverso un’attività di monitoraggio scientifico partecipato della tipologia e della quantità dei rifiuti raccolti sul territorio. Un’esperienza importante di cittadinanza attiva per capire l’impatto della dispersione di materia sugli ecosistemi e il tipo di inquinamento prevalente nei luoghi monitorati. Gli incontri sono anche l’occasione per confrontarsi sul corretto smaltimento delle diverse tipologie di rifiuto e sulle altre buone pratiche improntate alla sostenibilità. Gli incontri sono anche l’occasione per approfondire alcuni aspetti relativi all’impatto ambientale; fra le informazioni importanti, ad esempio, quelle sui tempi di degradazione in ambiente naturale delle tipologie di rifiuti raccolti: per fazzoletti e tovaglioli di carta servono 3 mesi, per un mozzicone di sigaretta da uno a due anni, per una lattina di alluminio dai 20 ai 50 anni, mentre per una busta di plastica oltre 50 anni. Ancora più lunghi i tempi di degradazione per un tappo di acciaio (dai 50 ai 100 anni), una bottiglietta di plastica (PET) (oltre 100 anni) o una bottiglia di vetro (oltre 1.000 anni).

 

Le prossime tappe

Dopo gli appuntamenti già svolti a Firenze lo scorso 20 aprile e oggi a San Giovanni Valdarno, guanti e sacchetti alla mano, le giornate di impegno ambientale proseguono per tutto il mese di maggio con appuntamenti in zone verdi, parchi e fiumi di altre cinque province toscane

 

– 9 maggio: Poggibonsi – fiume Staggia

– 12 maggio: Prato – Giardini Ex ippodromo

– 17 maggio: Capannori – Parco Ilio Micheloni di Lammari

– 17 maggio: Empoli – Parco di Serravalle

– 19 maggio: Quarrata – Parco Villa le Magia

 

Il progetto

Liberi dai rifiuti sono le giornate di volontariato ambientale organizzate dalle Sezioni soci Coop e dai Circoli di Legambiente che nel 2019 hanno visto protagonisti ben 2000 volontari, per un totale di 17 appuntamenti di cura e pulizia del territorio e 9,7 tonnellate di rifiuti raccolti. L’iniziativa si è ripetuta a maggio 2022, con 8 appuntamenti per pulire luoghi simbolo del territorio toscano e come momento di sensibilizzazione sull’importanza della tutela dei beni comuni, primo fra tutti l’ambiente. Sulla scorta del successo e della grande partecipazione, l’iniziativa è stata pensata anche per le scuole e inserita nel catalogo dei percorsi educativi, come esperienza di cittadinanza attiva in tema ambientale. Il percorso prevede alcuni incontri in classe per raccogliere idee, definizioni e percezioni dei ragazzi sul tema dei rifiuti. Il confronto e il dibattito in aula facilita il coinvolgimento della classe in attività sperimentali e ludiche per smascherare inaspettati luoghi comuni sul concetto di “rifiuto” e dare indicazioni su che cosa poter fare per il contenimento della produzione di rifiuti. L’uscita sul territorio coinvolge i ragazzi con un’esperienza sul campo che permette di toccare con mano quanto discusso in classe e di impegnarsi in prima persona in un’azione di tutela dell’ambiente.

 

Le dichiarazioni

 

Valentina Vadi, Sindaco di San Giovanni Valdarno

«Ringrazio Unicoop Firenze, Legambiente e la sezione soci Coop di San Giovanni Valdarno per l’attenzione che hanno nei riguardi dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze promuovendo un progetto che ha lo scopo, da un lato di renderli cittadini attivi nella cura del territorio e dell’ambiente della propria comunità, dall’altra di accrescere le loro conoscenze sulle diverse tipologie e pericolosità dei rifiuti abbandonati e dispersi nell’ambiente naturale. Inoltre, l’area scelta per il progetto – i Lungarni e la Pineta – sono luoghi molto frequentati, anche dagli stessi ragazzi, e sono convinta che dopo questa esperienza avranno ancora più cura ed attenzione all’ambiente che li circonda».

 

Carla Bernacchioni, Presidente Sezione soci Coop San Giovanni Valdarno

«Liberi dai rifiuti è un’esperienza che ha coinvolto tanti soci e cittadini toscani, mobilitandoli sul tema dell’ambiente. Ringraziamo il Sindaco e l’amministrazione locale per il sostegno all’iniziativa di questa mattina che ha visto una grande partecipazione degli alunni, rendendo protagonisti coloro che rappresentano il nostro futuro».

 

Tommaso Perrulli, Responsabile progetti sociali e scuola

«Nel catalogo delle nostre proposte educative abbiamo molto investito su questo progetto a cui le scuole toscane hanno aderito con entusiasmo: gli appuntamenti sono un’occasione in cui i ragazzi possono impegnarsi concretamente per l’ambiente ma servono anche per sviluppare una visione critica e costruttiva rispetto al tema ambientale e alle urgenze del cambiamento climatico. Ci auguriamo che questo progetto possa stimolare buone pratiche quotidiane e possa essere un seme per garantire un futuro migliore al nostro Pianeta».

 

Fausto Ferruzza, Presidente Legambiente Toscana

«Coinvolgere alunne e alunni in una grande attività di monitoraggio scientifico, qual è a tutti gli effetti Liberi dai Rifiuti 2023, oggi ha, per noi, un duplice significato. Da un lato quello di rendere protagoniste del cambiamento le nuove generazioni, dall’altro ricordare sempre che l’ambientalismo scientifico si nutre tanto di conoscenza quanto di coerenza nelle nostre azioni. Puliamo sette grandi aree verdi della nostra regione per comprendere meglio qualità e quantità dei rifiuti che colpevolmente cittadini “distratti” hanno disperso in natura».

https://www.comunesgv.it/content/uploads/2023/05/Liberi-dai-rifiuti-4.jpeghttps://www.comunesgv.it/content/uploads/2023/05/Liberi-dai-rifiuti-4-150x150.jpegUfficio StampaNovitàHa fatto tappa, oggi, a San Giovanni Valdarno, uno degli appuntamenti per l’ambiente promossi nell’ambito dei percorsi educativi di Unicoop Firenze per le scuole e realizzati in collaborazione con Legambiente, le Sezioni soci Coop e le amministrazioni locali   Sette appuntamenti, trenta classi delle scuole secondarie di primo grado, per un...sito ufficiale

Articoli simili

Progetto “Arezzo Cuore”, premiate le persone che grazie al defibrillatore hanno salvato una vita

Progetto “Arezzo Cuore”, premiate le persone che grazie al defibrillatore hanno salvato una vita

Rinnovato il patto di gemellaggio fra il comune di San Giovanni Valdarno e la città di Corning

Rinnovato il patto di gemellaggio fra il comune di San Giovanni Valdarno e la città di Corning

San Giovanni Valdarno commemora la partenza la partenza dei volontari per la guerra di Liberazione

San Giovanni Valdarno commemora la partenza la partenza dei volontari per la guerra di Liberazione