Visura delle pratiche edilizie

COSA E’
La visura delle pratiche edilizie è una tipologia peculiare dell’accesso agli atti, in genere finalizzata ad individuare lo stato legittimo di un immobile, cioè quello derivante dai titoli edilizi agli atti dell’Amministrazione Comunale, e consiste proprio nel prendere visione delle pratiche edilizie richieste.
 
COME SI FA
Per la visura delle pratiche edilizie occorre fare formale richiesta (compilando l’apposito modulo reperibile all’indirizzo https://www.comunesgv.it/content/uploads/2020/01/A20216mod_visure_2.pdf).
La compilazione del modulo presuppone la conoscenza degli estremi identificativi della pratica, come il numero di registro (per le Licenze, Concessioni, Permessi di Costruire, Condoni…), il codice di archiviazione o il numero e data di protocollo (per le DIA, SCIA, CIL,…). Tali dati dovrebbero essere a conoscenza del proprietario dell’immobile (sono per esempio riportati negli atti di compravendita) o, in alcuni casi sono estraibili da una ricerca sul portale web delle pratiche edilizie (ricercando per via, proprietario, estremi catastali, ecc) che ha una copertura quasi completa di indicizzazione per pratiche dal 1998 ad oggi e dal 1942 a parte del 1964 (Dato aggiornato al 15.10.2020), al link http://frontoffice.sigepro.it/defaultSGVSUE.asp?g_istatcomuni=H901&software=CE,  alla voce “Consultare l’archivio delle pratiche libere”.
Per le pratiche ad oggi ancora non indicizzate sul portale web, occorre consultare i registri cartacei presenti in originale presso l’ufficio edilizia. Tali registri, specifici per tipologia di titolo edilizio, sono ordinati per numero di registro (progressivo per rilascio), e sono rubricati tramite nominativo del titolare dell’epoca. Alcuni registri cartacei sono stati scansionati e sono consultabili alla pagina https://www.comunesgv.it/elenco-dei-registri-delle-pratiche-edilizie/. Tale tipo di ricerca deve essere effettuata preliminarmente alla richiesta di visura. Qualora i registri da consultare non siano disponibili sul sito, la ricerca deve essere effettuata personalmente da parte del richiedente, negli uffici dell’U.O. Edilizia, durante gli orari di ricevimento al pubblico, previo appuntamento da richiedere tramite e-mail del servizio (edilizia@comunesgv.it).
Per ottimizzare i tempi si consiglia di munirsi dei dati necessari per la ricerca, ovvero :

  • nominativi dei richiedenti storici (es. nominativo del costruttore dell’edificio) e epoca presunta delle trasformazioni (di solito deducibili dalle corrispondenti variazioni catastali)
  • numero di registro/protocollo di istanze presentate per l’immobile/u.i (di solito presenti in atti compravendita fra vivi ante 85)

Nella mail per la richiesta di appuntamento per la consultazione dei registri cartacei, è consigliabile specificare tutti i dati conoscitivi in proprio possesso (proprietario, estremi catastali, date di riferimento,…), in modo da permettere all’ufficio di verificare l’appropriatezza della modalità prescelta, o indicata, di accesso alle informazioni desiderate.

N. B. Solo quando in possesso degli estremi identificativi potrà essere fatta richiesta formale di visura, quindi non è possibile, in un solo appuntamento visionare i registri e la pratica.

DOVE
per l’invio della richiesta
Digitale: inviare via PEC all’indirizzo protocollo@pec.comunesgv.it
Cartacea: inviare tramite posta ordinaria a Comune di San Giovanni Valdarno, via Garibaldi 43 o a mano presso il Punto Amico (ingresso Via Rosai)
per la visione delle pratiche
Digitale: presso il proprio domicilio (trasmessa o visibile tramite Portale)
Cartacea: tramite appuntamento, U.O. Edilizia, Comune di San Giovanni Valdarno, via Garibaldi 43
 
QUANDO
Una volta fatta richiesta formale (registrata al Protocollo generale) di visura delle pratiche edilizie, l’U.O. prenderà in carico la richiesta e, una volta reperita la documentazione richiesta, contatterà il richiedente per fissare l’appuntamento per la visione (o invierà direttamente le pratiche richieste, se digitali). In generale il tempo massimo per l’evasione delle richieste, formalmente corrette, è di 15 giorni.
 
COSTI
Come stabilito dalla Giunta Municipale, con Deliberazione n. 228 del 26/11/2019, per i diritti di ricerca e visura è dovuto un importo di € 10,00 ogni tre pratiche edilizie richieste. Considerando che eventuali varianti sono comprese nel fascicolo della pratica principale, l’importo dei diritti sarà comunicato al momento della conferma dell’appuntamento (o nel caso di pratiche digitali, prima della messa a disposizione delle stesse). Ai diritti di ricerca e visura sono da sommare i costi delle eventuali copie. Si consiglia comunque di limitare la produzione di fotocopie e preferire l’esecuzione di foto o scansioni dei documenti.

Translate »